U18F Doctor Dentist Viscontini: bella prestazione in Eccellenza a Legnano

Campionato Under 18 femminile – girone Eccellenza
11/01/2016 ore 21:00 – Legnano (Milano)
Focol Legnano – Viscontini Milano Doctor Dentist : 0-3
(18-25, 24-26, 16-25)

Viscontini Doctor Dentist: Gaia Sarzi Amadè (K), Chiara Sassi, Francesca Ruvioli, Beatrice Spinola, Francesca Torriani, Beatrice Merighi, Susanna Di Garbo (L), Giulia Colombo, Miriam Campi, Elena Montalto, Alessandra Vicco.

1° allenatore: Federico Belloni
Dirigente accompagnatore: Efrem Sassi

Legnano – A distanza di sole 24 ore dalla trasferta di Serie D a Sondrio di nuovo in campo le ragazze di coach Belloni per l’impegno di campionato under 18 d’Eccellenza. Ospiti di Focol Legnano, abbiamo quindi affrontato il fanalino di coda del torneo in una partita senza particolare significato per la classifica ma senz’altro utile per cercare di portare a casa qualche punto e rendere onorevole un campionato d’Eccellenza iniziato male e a ranghi incompleti ma durante il quale siamo costantemente saliti di livello col passare delle giornate. Avessimo cominciato la stagione nelle condizioni attuali avremmo senz’altro avuto maggiori possibilità di toglierci delle soddisfazioni in più contro alcune delle squadre che ci precedono in classifica.

Focol Legnano ha iniziato il match molto contratto e le Viscogirls ci hanno messo davvero poco per prendere in mano il pallino del gioco arrivando addirittura a doppiare nel punteggio le avversarie sull’8-16. La reazione delle padrone di casa è stata quindi ben contenuta col trascorrere dei minuti ed il primo set ha visto prevalere le nostre ragazze con un tranquillo parziale 18-25.

Il secondo set è subito parso la fotocopia della prima frazione per cui, con servizi ficcanti, un gioco muro-difesa di buon livello conditi da contrattacchi precisi, ci siamo ritrovati addirittura sul 3-12 con strada spianata verso un facile successo. Tutto è filato liscio come l’olio fino al punto del 16-24 con il quale siamo andati in battuta con ben 8 set point a disposizione. Tuttavia, come diceva l’antico filosofo Socrate, “mai dire gatto se non ce l’hai nel sacco”….. o forse Socrate non c’entra…… Ad ogni modo, Focol Legnano ha trovato un improvviso soprassalto di orgoglio che, sommato agli errori che improvvisamente abbiamo moltiplicato a dismisura, ha portato alla incredibile riapertura del parziale sul punteggio di 24 pari. Coach Belloni ha provato due volte ad interrompere l’inerzia sfavorevole chiamando dei provvidenziali time-out ma non è stato facile serrare nuovamente i ranghi una volta arrivati ai vantaggi e riuscire a chiudere in qualche modo il set grazie ad un’attacco preciso ed una buona difesa cui ha fatto seguito, questa volta, un errore determinante delle padrone di casa (24-26 per noi il finale di set).

Nella terza frazione Legnano ha provato a riaprire la partita e fino al 12 pari ha regnato un equilibrio perfetto con scambi ora gradevoli e spesso prolungati. Premendo sull’acceleratore siamo comunque riusciti a prendere un vantaggio di teorica sicurezza (il solito 16-24 già visto nel secondo set) ma questa volta niente Socrate e, soprattutto, siccome “repetita iuvant” (o “repetita Juve”, come si augurano i tifosi bianconeri), abbiamo fatto tesoro dello scempio precedente chiudendo definitivamente il conto già al primo match point disponibile.

Prima della fine del campionato restano da affrontare le due partite casalinghe contro Pro Patria Milano e Uniabita Cinisello, cioè la squadra prima in classifica e quella che pare essere la più in forma in questo momento (contemporanea vittoria per 3-0 sul difficile campo di Cassano D’Adda). Non avendo ormai nulla da perdere resta da vedere se saremo in grado di andare oltre i progressi già registrati fino a diventare un possibile arbitro dell’accesa lotta per il secondo posto finale in classifica; posizione che permette l’accesso diretto alle final four provinciali cui dovremo  purtroppo partecipare per quest’anno soltanto in veste di spettatori, dalla tribuna del nostro ben conosciuto Centro Sportivo Pavesi.

(dal nostro corrispondente: Stefano)