DF Doctor Dentist Viscontini Milano – Vittoria nel regno delle Farfalle Yamamay

Campionato Serie D – girone Y – 13° giornata
24/01/2016 ore 21:00 – Milano
Yamamay Busto Arsizio – Viscontini Milano Doctor Dentist : 1-3
(20-25, 25-17, 22-25, 24-26)

Viscontini Doctor Dentist: Gaia Sarzi Amadè (K), Miriam Campi, Francesca Ruvioli, Chiara Lorandi, Francesca Torriani, Beatrice Merighi, Alessandra Vicco (L), Giulia Colombo, Roberta Monticelli, Elena Montalto, Chiara Sassi, Susanna Di Garbo.

1° allenatore: Federico Belloni
Dirigente accompagnatore: Efrem Sassi

Busto Arsizio – Nella pallavolo giovanile quando la differenza di età a tuo favore è ben visibile e dal punto di vista della maturità fisica e dell’esperienza accumulata dovresti avere una marcia in più il risultato di una partita non dovrebbe teoricamente essere mai messo in discussione. Se però hai deciso che svegliarsi presto la domenica mattina è una fatica, prendi l’impegno sotto gamba e, soprattutto, ti trovi di fronte un’agguerritissima ed assolutamente ben organizzata truppa del vivaio Futura Volley ecco che le cose prendono la piega che non ti aspetti. A quel punto portare a casa il risultato diventa un’impresa titanica. La vittoria da tre punti ottenuta dal Doctor Dentist Viscontini Milano al Pala Yamamay di Busto Arsizio è quanto ci si attendeva in quest’ultima partita del girone di andata di serie D ma la modalità con la quale la si è ottenuta ha lasciato piuttosto perplessi. Fortunatamente abbiamo avuto la capacità di stringere i denti nelle fasi finali dei vari set e possiamo quindi dire che ci è andata comunque bene dal punto di vista della classifica anche se il gioco espresso non è stato certamente di buon livello.

Nel corso del primo set abbiamo subito interpretato male la partita lasciando che le ragazzine di casa trovassero il modo di caricarsi fino a credere di poter davvero giocarsela fino in fondo contro delle avversarie sulla carta superiori. I quattro punti di ritardo sul 20-16 con i quali ci siamo presentati al rush finale della prima frazione erano parsi a tutti un’inappellabile sentenza; soltanto l’inesperienza delle giocatrici della Yamamay unite ad un nostro improvviso impeto di orgoglio hanno portato, invece, ad un ribaltamento della situazione con un parziale di 0-9 che ci ha permesso di chiudere il set sul 20-25.

Nel parziale successivo abbiamo assistito ad analogo andamento fino al 19-15 e, ancora, al 22-17 per le padrone di casa. Questa volta il rush finale delle Viscogirls è rimasto però nel libro delle intenzioni e con somma mestizia siamo andati al nuovo cambio campo dopo aver incassato un poco onorevole 25-17. Coach Belloni aveva provato a dare la scossa chiamando i due canonici time out a disposizione e provando ad inserire in campo forze fresche ma la speranza espressa a inizio partita da qualche genitore delle ragazzine di casa pareva essere diventata realtà: “Speriamo che le nostre avversarie, essendo piu’ grandi, siano tutte andate in discoteca la sera precedente ed oggi possano essere oltre modo assonnate”.

Nel terzo parziale abbiamo provato timidamente a prendere in mano il pallino dell’incontro ma dopo aver trovato un massimo vantaggio di quattro lunghezze (15-19) siamo stati raggiunti sul 21 pari con ennesimo brivido corso lungo la schiena prima di chiudere il set con tanta fatica sul 22-25. Musica che non cambia anche nel quarto e, fortunatamente, ultimo set con parità subita sul 20-20, 22-22 e 23-23 prima di riuscire ad assestare il colpo decisivo al secondo match point a disposizione e mandare la partita agli archivi con un tiratissimo 24-26.

Chapeau al lavoro di Alessandro Mazza, coach Yamamay, e alle impavide ragazzine che ha schierato sul taraflex. Da parte nostra, invece, una rapida riflessione di gruppo e tanto lavoro da affrontare in palestra perché l’intensità di gioco e la qualità tecnica possono e devono compiere un ulteriore salto di qualità. L’essere passati da un palazzetto dove soltanto tre stagioni fa la squadra locale di serie A ha festeggiato uno storico “triplete” (vittorie in Campionato, Coppa Italia e Coppa CEV) deve averci un po’ inebriato ma se l’unione fa la forza non ci resta che serrare ancora di più i ranghi e darci dentro come e più di quanto fatto sino ad ora.

Per la classifica del girone clicca qui

(dal nostro corrispondente: Stefano)

Ecco qualche immagine dal campo di gara :

12573832_10208123451105887_3177043559852589796_n 12573854_10208123452345918_3864847001679641170_n 12642804_10208123450265866_9025537743608501417_n 12509103_10208123452545923_3640053602629582589_n 12540870_10208123449465846_2231022087033206044_n 12565355_10208123449985859_7341848085288021369_n